4 chiacchiere con la Food Blogger di Acquolina in Blog

Acquolina in blog è un blog di cucina nato per stuzzicare il palato e fare venir, appunto, l’acquolina in bocca.

Gestito da me, Paola, Piemontese D.O.C., nata e cresciuta a Torino, mangiando risotti, polenta e bolliti misti. Nel mio corpo scorre Barolo, ma vado in crisi d’astinenza se non vedo il mare e se il sole non mi scalda. Amante della vita stra-ordinaria, dei controsensi e dei contrasti. Dopo 11 anni di danza classica smetto per potermi dedicare allo studio, mi laureo in Pianificazione Territoriale Urbanistica Paesaggistico Ambientale (facoltà di Architettura) per poi metterci una pietra sopra e offrirmi completamente alla mia vera passione: la cucina.

La food BloggerIl mio blog non è di quelli settoriali, nel senso che si possono trovare tante ricette, dagli antipasti ai dolci e diverse tipologie o influenze di cucine, dall’italiana a quelle straniere. Proprio perché seguo un filo logico, come nella vita anche in cucina sono curiosa, sempre alla ricerca di sapori nuovi ed abbinamenti strani. Sono per il mangiare bene, il più possibile sano e consapevole, senza troppi sprechi, utilizzando alimenti freschi e stagionali (cercando di ridurre la carne), ma variando continuamente l’alimentazione e affrontando temi sempre più presenti sulle nostre tavole, come le intolleranze e le allergie.

Influenzata dalla cucina piemontese per le mie origini, ma anche da quella mediterranea, in particolare la pugliese e la siciliana, per questioni di sapori e di cuore. Sono emotiva, impulsiva, irrequieta, meteoropatica con costante necessità di intravedere e poi raggiungere nuovi traguardi ed obiettivi. Incline a soffrire per i miei stessi entusiasmi ed eccessi, ma anche testarda, spontanea, determinata e dolce. Tutte queste caratteristiche si possono trovare nelle mie ricette attraverso la scelta genuina e pensata di tutti i prodotti, i colori, le spezie e gli abbinamenti dai sapori agrodolci.

Posso dire che “Acquolina in blog” nasce fondamentalmente per quattro motivi:

1) per trasmettere la passione che ho per il cibo e per il gusto. Evidente già da piccolina perché giocavo con le pentole al posto delle barbie, poi crescendo ho capito che non poteva rimanere solo una passione soffocata, ma che ci dovevo costruire qualcosa attorno.

2) per condividere le ricette che invento o che prendo in prestito dai maestri della cucina o dalle tradizioni.

3) per dare libero sfogo al mio estro, alla mia creatività culinaria. In questo modo posso comunicare ed esprimere i miei stati d’animo attraverso i colori e soprattutto i sapori. Perché il cibo scatena un meccanismo strano, una sorta di linguaggio fatto di ricordi, esperienze, cultura, pensieri, affetto e percezioni sensoriali.

4) per me. Perché questo blog è diventato la mia ancora di salvezza: prima cucinavo per allontanarmi dalla realtà, per non pensare a tutte le cose brutte che mi stavano succedendo. Ora è diventato un mondo a parte, il mio fantastico mondo dove sperimento per mangiare bene e con gusto senza dimenticarmi mai l’ingrediente fondamentale: tanto amore.

loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please Do the Math